Un’anima a servizio di ricerca e pazienti: Giovanni Puccio

Si chiama Giovanni Puccio, per anni mi ha consigliato su terapie di appoggio per le persone che conosco. Puccio studia il cancro e i virus da anni, a livello biochimico cellulare ed è arrivato a conclusioni molto simili a quelle del Prof Monagnier e di altri: lo stress ossidativo sarebbe alla base di tante malattie perché la capacità di ossidoriduzione delle cellule costituisce lo zoccolo duro del sistema immunitario.

Il Dott Puccio ha ideato la CRAPu, una flebo in vena costituita da un mix di glutatione, acetilcisteina e vitamina C mescolate in una glucosata oppure soluzione fisiologica, per ridare alle cellule la capacità ossidoriducente. Comunque sia, questa formula salvò il mio gatto da morte sicura quando era esangue da giorni senza mangiare e bere, allettato, con un osteosarcoma purulento ad una zampa. Tre giorni di questa flebo lo rimisero in piedi e dopo una settimana fu in grado di affrontare l’operazione di amputazione della zampa, e dopo altra settimana di cura, si rimise benissimo e gli tornò un pelo lucidissimo.

Puccio mi disse all’inizio della crisi coronavirus che aveva inviato il suo dossier allo Spallanzani, e infatti lo Spallanzani sembra controllare e contenere i casi, anche se sono relativamente inferiori  rispetto agli ospedali lombardi, ma si direbbe che abbiano trovato una cura (secondo i medici thailandesi fondamentalmante è un mixi di antivirali), supportato dalla Crapu in caso di formazione di farmacoresistenza.

Questo è il momento di utilizzare tutte le menti eccellenti che abbiamo nel paese per risolvere questa crisi sanitaria, economica, e totale.

Così scrive sul suo facebook:

Una Nazione in ginocchio
Le comunicazioni angoscianti che arrivano ogni giorno stanno rendendo la vita degli Italiani un inferno.
Dicono che non devi aver paura e poi senti: stiamo assumendo 20.000 medici e altrettanti infermieri; stiamo aumentando i posti letto nelle rianimazioni e nelle malattie infettive.
Vorrei capire chi è questo comunicatore che emette bollettini di guerra angosciando il popolo Italiano.
L’unica maniera per porre fine a questo scempio è rendere curabile il corona virus come una semplice influenza. Avevo comunicato a questo Ministro e a due Assessorati il modo di bloccare la replicazione del Virus e quindi renderlo attaccabile dalle terapie antivirali, non ho ottenuto risposta. Ho consegnato al Comitato Scientifico Cinese la mia relazione scientifica e sembra che stiano adoperando la vitamina c in forte dosi, anche se non sono completamente d’accorso. Ho mandato a due primari, zona rossa, della terapia intensiva la spiegazioni della replicazione del virus e come togliere la farmaco resistenza, aspetto la risposta. Non accetto la distruzione dell’Italia per colpa di gente che non capisce nulla. Se continua cosi ci ritroveremo un Italia uguale a quando è finita la guerra mondiale.
Per i signori che fanno parte di questo profilo in caso di influenza causato dal corona virus Interpellateci e non abbiate paura è un virus che si può curare.

Nforcheri 08/03/2020

http://www.laleva.org/it/virus_e_batteri_resristenti.pdf

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: