Sul mito della “distruzione monetaria”: lettera a Paul Mercier (BCL)

Sorgente: IASSEM: About ‘the destruction of money’ (myth?): email to Paul Mercier (BCL)

 

Sulla “distruzione monetaria” (mito?) nel Suo ultimo saggio

Gentile Dott. Paul Mercier,

nel suo ultimo saggio (Public debt, central bank and money: some clarifications, May, 2017, pag.41) si legge:

“….la creazione potrebbe essere controbilanciata dalla distruzione di moneta risultante dalla possibilità che il venditore del buono del tesoro utilizzi gli introiti della sua cessione per estinguere un debito inizialmente contratto con una banca commerciale…”.

Dalle nostre ricerche in Italia tale distruzione non avviene nella realtà. Al rimborso di un debito a una banca l’importo viene ricevuto nel conto accentrato della banca, mentre la partita è saldata solo nella contabilità normale. La moneta elettronica nel conto accentrato non è mai distrutta né esiste traccia di tale distruzione.

Il problema può essere il seguente: la creazione di moneta bancaria non è registrata nei flussi di cassa in entrata della stessa banca, è quindi creata fuori bilancio e il rimborso avviene fuori bilancio (una sorta di moneta fantasma). La moneta bancaria e la contabilità sono due cose diverse.

Cfr. riferimento:
Torfason, A. – Cash flow accounting in banks – a study of practice, Göteborgs University, 2014
https://gupea.ub.gu.se/handle/2077/35272

E’ forse la ragione per cui la BCE non pubblica il suo RENDICONTO FINANZIARIO… La BC svizzera rifiuta anch’essa di pubblicarlo ed è stata in grado di forzare la legge per esonerarla dall’onere di pubblicarlo. E’ interessante osservare come entrambe le banche centrali facciano finta di rispettare le norme IAS-IFRS e GAAP, e le loro società di auditing non hanno niente da ridire nel merito…

La verità è che la moneta elettronica (moneta FIAT secondo l’EBA) creata dalle banche, prestata o immessa in circolazione con la spesa, è orfana e non contabilizzata sia nel rendiconto bancario SIA nel registro scritturale di creazione monetaria (European Monetary Cadastre).

Il frainteso sorge da una visione errata che confonde la MONETA con i DEPOSITI e con le PASSIVITA’ che sono tre nozioni diverse. La moneta creata dalle banche non può mai essere una vera passività della banca fintantoché non sarà un vero debito e o non sia riconosciuto in quanto tale nei confronti del Tesoro nazionale – un debito che si potrebbe chiamare SIGNORAGGIO SULLA CREAZIONE DI CAPITALE SENZA COSTI (moneta click).

Marco Saba
president at IASSEM –
http://iassem.org
director at UniMoscow –
http://www.imperialclub.net/unimoscow_istituti.htm
member of the scientific board of Vollgeld:
http://www.vollgeld-initiative.ch/wissenschaftlicher-beirat/

Tradotto dall’inglese a cura di N Forcheri

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...