La legge punisce…

il

Pubblico il link a questo articolo con tre precisazioni:

Trucioli Savonesi, spazio di riflessione per la Liguria e Dintorni.

Sorgente: La legge punisce…

 

<!-- @page { margin: 2cm } PRE { font-family: "Times New Roman" } P { margin-bottom: 0.21cm } --><br /> 

Pubblico il link a questo articolo con tre precisazioni:

<!--
    @page { margin: 2cm }
    P { margin-bottom: 0.21cm }
-->

1. Bankitalia è diventata privata in seguito alle leggi Amato  del 30 luglio 1990, n. 218 (cfr. http://www.fondazionecariplo.it/static/upload/3_f/3_fondnp22.pdf) che ha permesso sia la trasformazione in SpA delle banche sia l’abolizione della separazione tra banche di affari e banche di credito.

In particolare sia gli Istituti di diritto pubblico che costituivano i soci di Bankitalia, Banco di Napoli, Monte dei Paschi di Siena, Istituto bancario San Paolo di Torino, Banco di Sicilia, Banco di Sardegna, Banco Nazionale del Lavoro, Sicilcassa sia  le tre Banche di interesse nazionale (BIN) facenti capo all’IRI, e quindi allo Stato italiano: Banca commerciale italiana, Banco di Roma, Credito italiano poterono trasformarsi in banche SPA con l’abrogazione di fatto delle due leggi bancarie, DL 375  del 1936 e DL 141 del 1938 volute da Mussolini per nazionalizzare il sistema bancario italiano, la struttura proprietaria della Banca d’Italia e separare le banche d’investimento dalle banche commerciali.

Infatti le due leggi Amato hanno dato vita alla creazione della banca mista, abolendo il divieto del DL  n.141 del 7 marzo 1938, che separava le banche commerciali dalle banche di investimento e che vietava la presa di partecipazioni delle banche nelle società non bancarie.

2. Quando nell’articolo si parla di miliardi creati dal nulla delle banche e si dice “Se non c’erano e sono piovuti in cassa sono un reddito. E come tale va tassato, come una qualunque rendita finanziaria, al 27,5%.” correggo: non sono piovuti in cassa, perché contabilmente non vi figurano, sono andati fuori bilancio, e questo dovrà essere oggetto di una indagine della magistratura e di una commissione di inchiesta approfondite nonché di uno studio tecnico.

3. Non tutte le BC sono private ad esempio il capitale della Banque de France è interamente appartenente allo Stato francese, ma poco importa quello che non si dice nell’articolo è che il modo di rifornirsi di moneta di uno Stato è quello di mettere all’asta “privata” i suoi titoli del debito, indebitandosi, presso un cartello di banche specialiste in titoli di Stato, le too big to fail, e insisto sulla parola “cartello” poiché ai sensi delle norme anti trust dell’UE è uno dei peggiori reati quando si applica alle aziende commerciali. Come mai per le aziende bancarie invece tale reato non conta?

4. Che la moneta sia creata dal nulla è una mezza verità e una mezza falsità. E’ una mezza falsità perché si dice che è creata dal nulla mentre in realtà contabilmente è creata dai nostri debiti e titoli di proprietà dei nostri beni: sono essi che ritroviamo iscritti nella colonna del dare dello stato patrimoniale della banca e se non sono solidi oggi lo saranno domani, costi quel che costi. E’ una mezza verità nel senso che non è vero che è questa la pecca: tutta la moneta va creata dal nulla, vale a dire non da una riserva aurea o di qualsiasi altro tipo di “merce” o attivo. Sopattutto se siamo in un regime di moneta fiat, la moneta va creata senza riserva, per essere puramente nominale e non rappresentativa di una riserva. Quindi la pecca non è che sia creata dal nulla, cosa sfortunatamente non vera dal punto di vista contabile, mentre dovrebbe essere così, ma la falla è che sia appropriata dal “contabile” di turno che con il gioco di scrittura doppia la crea, come se fosse coperta mentre non lo è, poi la segna come se fosse dal nulla mentre sarà coperta non da lui ma dal mutuatario, e la presta come se fosse sua, cosa che sarà, alla fine della corsa, con appropriazione indebita e falso in bilancio.  Perché nasce come un titolo scommessa in un casinò: la scommessa è che rimborseremo questa moneta scoperta della banca, scommessa prontamente vinta, perché i giochi sono truccati. 

Nicoletta Forcheri 4/3/2017


 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...