Risposta dal Ministro della Nuova Zelanda

Fonte: 112

Gentile Sig. Saba

La ringrazio per la Sua del 17 Agosto scorso relativa al signoraggio, alla contabilità della moneta in circolazione e su quale sia il valore sottostante la moneta in circolazione.

Quando la Banca della Riserva emette banconote e monetine, la banca commerciale che le ha richieste le paga addebitando il suo conto di compensazione presso la stessa Banca Riserva dello stesso valore nominale del contante acquisito, e accreditando il conto di compensazione della Banca Riserve dello stesso importo. Essendo la Banca Riserva una banca appartenente al cento per cento al governo sovrano della Nuova Zelanda, ogni importo accreditato nel conto di compensazione della Banca Riserve sarà accreditato al Tesoro neozelandese.

La moneta in circolazione è una passività sulla quale non si paga alcun interesse, ma i fondi segnati all’emissione monetaria nel conto di compensazione della Banca Riserva vengono investiti e producono redditi da interessi, che costituiscono il signoraggio.

Essendo moneta fiduciaria – fiat – il valore delle banconote e monetine emesse è sostenuto dal potere del governo sovrano. Ai sensi del capitolo 25-30 dell’Atto del  1989 è chiaro che qualsiasi strumento monetario emesso dalla Banca Riserva è equiparato a moneta a tutti gli effetti e cioè che la moneta di un dollaro può fare ottenere il valore di un dollaro sul territorio dela in Nuova Zelanda.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...