Borghezio e le AM-LIRE

Telefonata dell’On. Borghezio:

“Caro Saba, io non le do nemmeno 20 euro per avere le fonti (1) della Sua interrogazione sulle AM-Lire perché noi della Lega ci basiamo esclusivamente sul volontariato. Pensi che tra i miei consiglieri ho anche uno del direttivo della Banca d’Italia, che non pago assolutamente. Si regoli di conseguenza.”

Ha ha ha !

Tentato omicidio.

Ci ho messo una settimana per riprendermi. Quindi, secondo Borghezio, l’amico di Bankitalia non lo paga… Voglio dire, lo so solo io che Bankitalia ha 8.000 dipendenti e costa – ufficialmente – due miliardi di euro all’anno? Cioè, 250.000 euro a testa per dipendente? Ma aspetta, non è finita. Se Borghezio è ancora italiano, dovrebbe sapere quanto signoraggio gli hanno rubato da quando è nato, circa 1,3 milioni di euro. E non gli costa niente la consulenza dell’insider?

Ha ha ha.

Non ci posso davvero credere. Ora mi prendo a sberle per vedere se non sto sognando.

(1) Carteggio con la Zecca USA: http://leconomistamascherato.blogspot.com/2010/09/question-about-american-military.html

Proposta di interrogazione a risposta scritta

Premessa

Durante l’occupazione USA in Italia, durante la seconda guerra mondiale, sono state spese cartonote riportanti la scritta “AM-LIRE”. Ovvero monete d’occupazione.

Nella mitologia bancaria, la banca redime sempre le monete che emette, tant’è che contabilmente le mette al passivo, come ancor oggi fa la BCE per gli EURO.

Nella realtà, queste banconote – meglio che va – vengono sostituite con altre note cartacee, com’è avvenuto con le banconote in lire sostituite con banconote in euro dal primo gennaio 2002.

Secondo documenti recentemente venuti alla luce, tutte le cartonote d’occupazione emesse in Germania, sia dagli USA che dall’Unione Sovietica, che disponeva delle matrici clonate ricevute da Forbes, sarebbero state redente in dollari USA.

Tenendo conto che, una analoga manovra tentata in Francia, con gli Am-franchi, venne prontamente impedita da De Gaulle che dichiarò che l’iniziativa era una truffa, per cui poi ci si spiegherebbe il differente regime del trattamento verso la Francia rispetto all’Italia, in ambito “Liberazione”, nel senso che De Gaulle aveva un advisor Rothschild a Londra…

chiediamo di far chiarezza sui retroscena che riguardano l’Italia in particolare.

Interrogazione a risposta scritta al Ministro dell’Economia Tremonti ed al governo

– Si chiede di sapere la quantità esatta di Am-Lire emesse e distribuite nel periodo 1942-1950 sul suolo italiano dalle forze di occupazione-liberazione della coalizione a guida USA:

• Si chiede di sapere se e quante di queste cartonote furono redente in dollari USA:

• si chiede di sapere se e quante furono redente in banconote e/o biglietti di stato a corso legale;

• vero quanto sopra, si chiede di sapere quanto la redenzione in lire costò all’erario, quanto incise sulla creazione od ampliamento del cosiddetto “debito pubblico”:

• si chiede di sapere se e quante furono doppiamente redente. sia a spese del contribuente italiano CHE di quello USA;

• se, e nel caso, si chiede di sapere se i proventi di questa apparente truffa furono reinvestiti e/o riciclati attraverso il famoso “Piano Marshall”:

• si chiede di sapere se e quali eventuali passi furono tentati dallo stato Italiano per rimediare a questa situazione, se cioè mai si chiese di restituire la rendita monetaria, eventualmente appropriata dalle forze di liberazione, allo stato italiano.

• si chiede, per finire, se esiste allo stato un inventario dei beni mobiliari ed immobiliari che furono acquisiti tramite l’emissione delle Am-lire, a cominciare, ad esempio, dal palazzo attuale sede dell’Ambasciata americana, in Roma.

Si fa presente che l’oggetto dell’interpellanza è rilevante per il presente e per il prossimo futuro dell’Italia, perché la risposta ad esso può far emergere crediti per l’erario di rilevante entità e utili alle finanze nazionali nonché come fonte di risorse finanziarie con cui il governo potrebbe recuperare spazio di manovra anticongiunturale.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...